Con il tuo pigiama sul cuscino

Sono le 7:30 di una calda mattina di fine giugno.
Apro gli occhi piano, confusa e ancora incosciente, e vedo te sbirciarmi dalla soglia della stanza, già lavato e vestito, con la camicia a righe e una cravatta arancione luminosa. Sei la prima cosa che vedo al mio risveglio e la tua cravatta arancione-sole diventa l’alba della mia giornata.
Mi guardi e sorridi; sono felice di essermi svegliata proprio ora, in tempo per poterti salutare. Ti chini su di me, rannicchiata tra le lenzuola ammucchiate, mi dai dei baci dolci sulle labbra e mi saluti. Sento il tuo profumo svegliarmi piano i sensi, i tuoi occhi azzurri sono il primo cielo di oggi e la tua bocca il primo sapore.
Ci guardiamo pochi secondi sorridendoci, teneri.
Riposa un altro po’, mi dici. Poi vai via.
Gli occhi pesanti tornano allora a chiudersi e mi riaddormento, un altro po’.

Il secondo risveglio è di quelli classici, estivi: sole bollente che entra nella stanza, stiracchiamento, Zoe che scondinzola al bordo del letto.
Sbatto gli occhi, inizio a prendere coscienza del nuovo giorno che inizia e i ricordi mi riportano lentamente le immagini confuse di quella stessa mattina presto, con il sole arancione in un cielo di occhi.
Sorrido forte pensandoci, poi mi giro e vedo il tuo pigiama sul cuscino.
Pantaloni corti a righe, celesti, bianchi e blu.
Sorrido ancora più forte.
È questa la vita che voglio.

Annunci

2 pensieri su “Con il tuo pigiama sul cuscino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...